Estate 2020 le più belle abbazie


L'abbazia di San Galgano e l'eremo di Montesiepi sorgono nella valle del fiume Merse, fra i borghi medievali di Chiusdino e Monticiano, in provincia di Siena. E' facilmente raggiungibile da Firenze seguendo la superstrada FI-SI fino all'uscita di Colle val d'Elsa Sud o di San Lorenzo a Merse. Lungo il percorso si trovano segnali turistici fino a giungere all'abbazia. Se si sceglie un itinerario meno veloce ma sicuramente ricco di bellezze paesaggistiche si può uscire a Siena e seguire la SS73 che conduce fino al San Galgano.

La storia

 Il nucleo originario del complesso monastico Cistercense di San Galgano è costituito dal piccolo eremo di   Montesiepi, sorto in forme romaniche come mausoleo del giovane santo eremita pochi anni dopo la sua morte,   far il 1182 e il 1185. La particolarità maggiore è la cosiddetta 'Rotonda di San Galgano' con pianta quasi unica   per le costruzioni del tempo. Essa racchiude, oltre alla tomba del santo, la roccia con la spada. Sebbene un   primo sguardo possa far pensare ad un'emulazione delle antiche tombe etrusche di Populonia, Vetulonia e   Volterra in realtà l'architetto si ispirò a Castel S.Angelo e al Pantheon di Roma. Oggetto di discutibili   aggiunte e manomissioni architettoniche nei secoli posteriori al 1300, un perfetto restauro del 1924 ha   riportato la Rotonda al suo aspetto originario. La cappella è costruita usando file di pietra bianca alternata a   strisce in mattoni e anche nella cupola continua l'alternanza bicroma che qui crea un'immagine con una   sensazione d'infinito. Con il crescere dell'interesse nel culto di San Galgano molti ricchi privati vollero   contribuire all'abbellimento della rotonda, nel 1340 fu iniziata la costruzione di una cappella sul lato nord   affrescata dal grande Ambrogio Lorenzetti, dipinti ancora oggi in parte visibili grazie ad un'attenta opera di   restauro che ne ha arrestato il degrado.

Continua con la lettura